Pubblicato da: clementinaolga | 14 settembre 2007

ama il prossimo tuo

siamo fratelli e sorelle.

siamo tutti figli di un padre buono.

ci amiamo l’un l’altro, noi e nostri consimili.

lo ribadiscono con fervore preti e monsignori, imam e monaci buddisti. un coro apparentemente unanime, nel convincerci che nessuna di queste “grandi religioni” divide, anzi.

però, tutti sappiamo che in ogni buona famiglia c’è il cocco di mamma, il prediletto, il figlio migliore. quello che si becca per primo la moto, quello che eredita l’appartamento in centro, quello che è l’orgoglio di papà e mamma.

e allora chi? gesù, allah, buddha.

no, non è così. siamo un conglomerato di gente che si barcamena come può, che si sopporta, si ama anche a volte, ma a fatica.

la mia vicina di casa, la mia “prossima”, io la odio. da quando ancheggiava nei suoi tailleur elegantissimi, ignorando gli allegri giochi di due bambine moccicose.

ho sempre sperato che le si incastrasse un tacco nella grata. che il suo bel cagnetto bianco rimanesse strinato da un camion dell’amiu.

non le voglio bene.

no.

eppure è bianca, borghese, cattolica. (proprio come me, più o meno)

non provate a convincermi ogni sera sulla necessità di un globale “volemose bene”. provate a dimostrarmi che la sig.ra B. e io siamo concittadine di un paese democratico, che ci consente di convivere a pochi metri una dall’altra, di praticare le nostre attività, di andare ognuna nella chiesa che desidera, se lo desidera.

fino a che la suddetta non proverà ad accendermi degli strani incensi in casa mia. sono allergica. e farei incenso del suo bel cagnetto.

Annunci

Responses

  1. per un pò ho temuto di essere io la vicina che ti sta sul cazzo…

  2. Io non ho vicini così (per fortuna) ma sapessi al lavoro quante sono le persone che “illuminerei d’incenso”!

  3. claus, magari mi stavi sul cazzo ma non avevi il tailleur!!!!!!!!!!!!:-)
    scherzo, ovviamente, magari fossero così come te i vicini difficili da tollerare…

  4. E

  5. Ehi sorella, io ti perdono perchè non sai quello che dici…
    ti regalerò un tailleur ed un cagnolino, così capirai com’è difficile essere una donna di legno tutta shopping e carriera, il cui unico vero amico caca dove capita e tu devi pure raccattare i suoi escrementi, sempre che lo veda qualcuno mentre defeca! tanto tu hai i tacchi a spillo e le cacche non le puoi pestare, al massimo le buchi!
    hai notizie di caetano il tuo vicino pancabestia che di cani ne ha 4 di cui uno con seri problemi intestinali?


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: