Pubblicato da: clementinaolga | 21 luglio 2008

in gita

la macchina della mamma in prestito per il we.

la macchina della mamma è ormai un po’ demodé, cigola un pò, non ha il lettore mp3, l’eps, il kgb, il cccp, l’sos, il wwf, insomma, manca di molti irrinunnciabili optional che qualunque utilitaria moderna sfoggia senza sforzo.

d’altronde anche la mamma qualche tagliando lo ha già fatto, e non è di certo euro 4.

insomma, la macchina della mamma è una piccola tuingo(se lo scrivo come si legge mi è anche più simpatica), vecchio modello, nemmeno a dirsi.

ci salgo dentro come mi trovassi racchiusa all’interno di un gigantesco buondì. mi siedo. e rosicchio rosicchio la giga mernedina, fino ad aprirmi un varchetto per vedere fuori. rosicchio rosicchio, e apro un blò per sbirciare di lato.

sono un baco gigante, mi scorpaccio l’interno del buondì.

gratta gratta, gnam gnam, ci troviamo sperse per i monti.

io e la mia coinquilina di merendina. io e la mia coinquilina anche di mamma.

discendo l’ennesima pietraia, i soliti camosci stronzi che balzellano in 2 minuti lo spazio che io percorrerò in un paio di ore e un paio di tendiniti.

mentre lo zaino sprofonda dentro le mie spalle di pongo, cerco di immaginare un paio di ali con cui librarmi, stare a guardare camosci, marmotte e fiori dall’alto, poi piano, in un alito leggero, trovarmi di nuovo seduta nell’unica piccola monovolume.

penso ad una liana, appesa ad una nuvola, con cui raggiungere il laghetto laggiu’.

penso persino ad un muscoloso big jim, che sorto dalle rocce, mi carichi in braccio e con sorriso ebete, mi scarrozzi fino a valle. faccia di me ciò che vuole, il polpaccio è salvo.

qualche ora dopo, finalmente a valle, è già domenica.

la twingo ci aspetta, con la pazienza di una vecchia zia. anche lei, come i camosci, ci guarda strascinare gli scarponi polverosi, un pò divertita: se un vecchio macinino come me non pretende di fare la mille miglia, si dirà, perchè queste due chiattone hanno sfidato le leggi della natura e della fisiatria arrampicandosi di colle in colle?

ma basta indugiare, un sorso di gatorade (oggi è il giorno della pubblicità occulta. speriamo che magari mi arrivino dei soldi…ma ne dubito) senza piombo e via, in coda verso casa.

e dentro il buondì c’è quasi profumo di genziane.

Annunci

Responses

  1. beh per gli utenti del blog mi azzardo a mettere link delle foto, sperando di non invadere gli spazi personali della coinquilina di mamma!!!
    http://picasaweb.google.it/taiarossi/ValleDelleMeraviglie1920lug

  2. ecco.
    così non potrò più scrivere di essere una fica mozzafiato con le gambe da modella, le tette di pamela e il cervello della hack.
    magari sul cervello non ci sarebbe cascato nessuno comunque… 🙂

  3. accidenti…che invidia. Che posti!
    Vedo che l’alta montagna produce sulla tua mente effetti quasi allucinogeni 🙂

  4. madre mia, ma eravate voi quei due alpinisti che non riuscivano a scendere dall’himalaya…
    chi l’avrebbe mai detto! che stambecche, complimenti.v.

  5. ci hai riconosciute dalla barba gelata?


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: